• Uncategorized

    Si può fare molto di te stesso per mantenere la salute

    Ci guiderà per il giornaliero, settimanale e annuale cose che si devono fare per la vostra salute a volte ci si sente quasi come un lavoro a tempo pieno per tenere a mente tutte le cose che si dovrebbe fare per avere una buona salute e di un sano stile di vita. Abbiamo reso facile per voi e vi darà una panoramica delle cose più importanti che avete bisogno di ricordare ogni giorno, ogni settimana, ogni mese e ogni anno. Mangiare la prima colazione. La colazione prevede il fondo e la ragione per il resto della vostra giornata. Al fine di ottenere una stabile di zucchero nel sangue e di…

    Commenti disabilitati su Si può fare molto di te stesso per mantenere la salute
  • Il film

    Sentirsidire – quello che i genitori non vorrebbero mai

    Il cinema indipendente è il cinema della passione, unico motore di produzioni che non portano alti guadagni, quando ne portano. Giuseppe Lazzari, nel suo primo film ce ne ha messa di passione, portando avanti un progetto che ha realizzato interamente a sue spese. Primo lungometraggio italiano realizzato interamente in 4K, massimo grado di risoluzione digitale, “Sentirsidire” racconta le storie parallele di Ludovico (Francesco Mariottini) e Filippo (Vincenzo Taormina), benestante e superficiale il primo, dignitoso e umile il secondo. Due vite diverse, che si incroceranno nella città di Milano, per dare vita ad una profonda amicizia, capace di cambiare entrambi. Trattandosi di un’opera prima, non mancano momenti di debolezza narrativa, e a…

    Commenti disabilitati su Sentirsidire – quello che i genitori non vorrebbero mai
  • Il film

    Melodramma giovanile dalle molte tesi ma dalle fragili argomentazioni

    Fin da bambini, Filippo e Ludovico vivono due esistenze opposte. Filippo cresce in una famiglia povera di Agrigento, vessato dagli altri ragazzi e molestato dagli adulti. Ludovico vive invece in una famiglia benestante di Brescia con un padre ricco ma assente e una madre colta ma distratta. A vent’anni, Filippo ha sviluppato intelligenza e sensibilità creativa, ma anche due braccia buone per i cantieri operai, mentre Ludovico gestisce i rapporti con amici e genitori con arroganza, arrabbiato col mondo e con se stesso nel rimpianto di una fidanzata perduta in un incidente. I loro destini paralleli si incontrano in un parco a Milano, dove di notte si consuma un giro…

    Commenti disabilitati su Melodramma giovanile dalle molte tesi ma dalle fragili argomentazioni